Io non sono sempre delle mie opinioni. G. Prezzolini

giovedì 24 novembre 2011

Democrazia totalitaria

Assolti e indennizzati, com’è giusto che sia. Alì Touati, Khakled As, Farid e Nabil Gaad, i quattro algerini che frequentavano un phone center di Corso S. Felice e Fortunato a Vicenza ed erano in contatto con il connazionale Yamine Bouhrama condannato a 6 anni per terrorismo dal tribunale di Napoli, saranno rimborsati per aver trascorso da innocenti l’ignominia di 376 giorni in carcere. I carabinieri del Ros di Padova li accusavano di far parte di una cellula legata ad Al Qaeda, mentre la loro unica colpa era di muoversi “in un’ottica antiamericana e anticapitalistica”, manifestando al telefono la propria preoccupazione per l’arresto di fratelli musulmani in Inghilterra dopo gli attentati del 2006. In poche parole, sono stati messi alla sbarra per le loro idee radicali.
Ineccepibile il commento dell’avvocato difensore, Paolo Mele: «Non si possono condannare le idee, siamo in uno stato di diritto». Dovremmo esserlo, direi piuttosto. E invece, a parte la giustizia di classe che ancora impera (i processi biblici possono essere economicamente sostenuti solo dai ricchi, i poveracci non possono permettersi i costosissimi plotoni di legali), l’Italia è in preda a ricorrenti deliri di inquisizione sulla pelle di gruppi di volta in volta individuati come nemici pubblici o capri espiatori. Oggi si sente meno, ma negli anni appena trascorsi la scia di paura verso l’islamico inculcata dai media embedded ha fatto scatenare la politica e, giù per li rami, le istituzioni e i corpi dello Stato in una crociata contro l’Islam in generale, e quello integralista in particolare. Dimenticando che in una democrazia liberale quale presupponiamo di essere, ognuno può professare le convinzioni che crede. Anche le più estreme. Purchè non superi il limite del codice penale e cioè, in casi come questo, della violenza. Senza alcuna eccezione per nessuno, fosse pure il più bieco nazista o un demente satanista. Questo principio cardine non va mai messo in discussione, se no c’è il pericolo che si cominci con i musulmani e si finisca col perseguire chi magari non condivide un qualche malmostoso clima di coesione nazionale foscamente unanime (vero, “montiani” di destra e soprattutto di sinistra?). Io, se voglio, devo poter essere antiamericano, anticapitalista, antieuropeista o quello che mi pare, e non devo temere di esprimere ciò che penso pubblicamente e tantomeno privatamente. Altrimenti si ammetta che il nostro non è un sistema liberale e democratico, ma un autoritarismo mascherato, una democrazia totalitaria. (a.m.)

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento